Diabete

Diabete: l'alimentazione aiuta a controllare i sintomi

diabete

Accanto alla terapia farmacologica e allo stile di vita, mantenere un adeguato regime alimentare è una terapia essenziale per le persone diabetiche.

 

Il diabete è una malattia cronica del metabolismo degli zuccheri che si manifesta con l’aumento del livello di glucosio nel sangue (iperglicemia) a causa del deficit assoluto o relativo di insulina (l'ormone prodotto dal pancreras).

 

Numerosi studi clinici(1) hanno dimostrato che accanto alla terapia farmacologica e allo stile di vita, un adeguato regime alimentare assume la valenza di ‘’vera e propria terapia’’ essenziale per ottenere e mantenere un compenso metabolico ottimale, ridurre il rischio cardiovascolare, prevenire e trattare al meglio le complicanze del paziente diabetico.

 

Di seguito le principali raccomandazioni nutrizionali delle maggiori società scientifiche italiane(2):

 

I carboidrati devono costituire dal 45% al 60% dell’energia totale e provenire soprattutto dagli alimenti ricchi in fibre idrosolubili (frutta, vegetali, legumi) e/o alimenti a basso indice glicemico (pasta, legumi). Gli zuccheri semplici quali il comune zucchero da tavola vanno limitati fino al 10% dell’energia totale, da consumare preferibilmente durante il pasto. Invece, è sconsigliato il consumo di bevande zuccherine.

 

Le proteine devono costituire il 15-20% dell’energia giornaliera. Il loro apporto è fondamentale, soprattutto nei pazienti anziani, per il mantenimento della massa muscolare, per il potenziamento del processo di cicatrizzazione e delle funzioni immunitarie.

 

I grassi, la cui quota non deve superare il 35% (30% nei pazienti in sovrappeso), devono essere rappresentati soprattutto da olii di origine vegetale mentre vanno ridotti i grassi saturi di origine animale.

 

Nei pazienti diabetici, uno scarso controllo glicemico si manifesta con un frequente bisogno di urinare che può condurre a disidratazione. Altri fattori che aggravano questo rischio sono la scarsa percezione di sete e l’utilizzo di farmaci diuretici. E’ essenziale, pertanto, un apporto di acqua di almeno  1,5 litri (8-10 bicchieri d’acqua) al giorno per preservare la funzionalità renale, idratare la pelle e ridurre il rischio di stipsi.

 

Un’alimentazione ricca di  fibra vegetale viene raccomandata ai soggetti con diabete allo scopo di migliorare il controllo glicemico e di ridurre il colesterolo. La fibra aiuta altresì a ridurre il rischio cardiovascolare e a raggiungere l’adeguato peso corporeo.

 

Si raccomanda di controllare l’assunzione di sale da tavola prestando attenzione anche agli alimenti salati (salumi, dadi da brodo, formaggi stagionati).

 

Alcune condizioni cliniche (ad esempio, una malattia acuta o un intervento chirurgico) e/o situazioni particolari (cambi di stagione, eventi di impatto emotivo) possono causare inappetenza, diminuiti introiti alimentari e di conseguenza stanchezza e spossatezza. I supporti nutrizionali specifici per diabete aiutano i pazienti a integrare la loro alimentazione e a fornire energia e nutrienti per loro essenziali (3).


(1) The United States National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases, The Diabetes Control and Complication Trial, New England Journal of Medicine 1993

(2) ADI-AMD-SID: Raccomandazioni 2013-2014, La Terapia Medica Nutrizionale nel Diabete Mellito

(3) Elia M et al. Enteral Nutritional Support and Use of Diabetes-Specific Formulas for Patients With Diabetes A systematic review and meta-analysis. Diabetes Care, Vol 28, n 9, Sept 2005

La Gamma